Articoli marcati con tag ‘pedalata assistita’

La mia E-Bike non ha più l’autonomia di prima…

Display Bosch E-bike

Hai appena preso la tua nuova E-bike, 100km dichiarati di autonomia massima, benissimo e allora via sulle strade e sentieri.

Ma a volte, però, già dopo pochi mesi, l’autonomia può non essere più la stessa, non ci riferiamo alla vita della batteria (supponendo di aver sempre seguito i suggerimenti del produttore), ma a tutta una serie di “concause” che potremmo racchiudere in un’unica parola MANUTENZIONE.

Ad inficiare le prestazioni della vostra E-bike, infatti, può essere l’assenza o scarsa manutenzione fatta a tutta una serie di componenti della bicicletta che andiamo qui ad elencare:

Pneumatici: avere una giusta pressione dei pneumatici (per tutte le E-Bike) è senza dubbio un’ottima cosa, il motore sia esso elettrico, a combustione o “muscolare” cala in prestazione se la pressione di marcia del pneumatico è troppo bassa per il terreno che stiamo affrontando. Dovremmo anche fare una distinzione più marcata sulle E-Bike per uso cittadino e per le MTB, quest’ultime infatti, viaggiando con terreni con minore aderenza tendono a “slittare” in salita se il battistrada è usurato, conseguentemente si ha uno spreco di energia della batteria.

Consigliamo dunque di controllare ad ogni uscita la pressione delle gomme e il livello del battistrada

Catena: la catena, molto probabilmente, ha bisogno di più attenzioni. L’usura non deriva solamente dalla quantità di Km che fa, ma anche in che condizioni li fa, ecco quindi che una buona pulizia con sgrassatori idonei e successiva oliata ne prolunga sicuramente la vita. Per gli olii consigliamo di utilizzarli in base al tempo e condizioni del percorso che andremo ad affrontare. Ultima raccomandazione è il cambio della catena, anche in condizioni di manutenzione preventiva ottima, la catena prima o poi va cambiata e nelle attuali E-bike con sensore di sforzo questo accade molto prima di come siamo abituati.

Link giunto catena KMC  Catena Shimano E-Bike  Olio BIO Star BluBike
Freni: per i freni si potrebbe pensare che non esistono differenze, tra freni per “muscolari” e per E-Bike, invece i pesi in gioco sono molto diversi tra le 2 biciclette. Le E-bike tendono ad usurare molto più facilmente le pastiglie o pattini dei freni, ultimamente stanno uscendo sul mercato molto case ufficiali e compatibili con mescole per pastiglie e struttura di dissipazione del calore, studiate appositamente per i diversi usi sulle E-Bike.
Pattini freno Shimano  Pastiglie freno Shimano   Olio Minerale Shimano
L’E-bike non richiede molta più manutenzione delle normali biciclette, l’unica accortezza è farla 😉 e su https://www.konig-bike.it puoi trovare tutta la componentistica necessaria per la tua officina o rivendita.
Logo Konig-Bike.it

I per Apple E per bicicletta

Pneumatico Schwalbe Eddy Current

 

E anche quest’anno abbiamo assistito a Eurobike, una o probabilmente la più importante fiera al mondo per le biciclette. Sono più di 20 anni che puntualmente, partecipiamo a questa fiera, per essere sempre a contatto con i nostri fornitori e le nuove soluzioni da potervi proporre quotidianamente, ora anche con il nostro B2B Konig-Bike.it.
in questo lungo periodo di tempo, la bicicletta e tutto ciò che gli gira attorno è cambiato, si è evoluto e anche quest’anno il trend non si è smentito.
Sembra però, che rispetto ai periodi precedenti, il mercato della bicicletta venga fagocitato dal settore Elettrico e non solo per il mezzo ovvero la bicicletta, molto sono comparsi sul mercato molti accessori che prima escono in versione e-bike e successivamente, forse, per le muscolari.
In casa Schwalbe ad esempio è stato presentato il primo pneumatico concepito esclusivamente per il settore E-enduro l’ Eddy Current che si va ad aggiungere alla già cospicua gamma delle gomme elettriche per trekking, city, tour. Così come Bosch ha introdotto il suo sistema ABS (qui sotto installata su una bicicletta KTM), Busch + Müller tutta una serie nuova di fanaleria (di cui tratteremo in un articolo a parte), KlickFix ha aggiunto molti attacchi e custodie per il mondo elettrico e smart e anche il “consumabile” si è adattato, in primis le pastiglie per i freni a disco adatte a sopportare pesi e velocità sempre maggiori.

Sistema ABS Bosch per E-bike Nuovo faro posteriore Busch + Muller

Elettrico dunque, ma non solo, le mtb tradizionali hanno avuto la loro bella fetta di esposizione,
assieme al settore del trasporto su 2/3 ruote e city/trekking leggero. “Relegato” in secondo piano (ma anche terzo) il discorso bici da Trail e soprattuto Corsa.

Avanti allora con la parola predominante, che sarà E-Motion, E-noi ci saremo con tutti gli accessori 😉

E-Mobility come prevenzione e riabilitazione

L’acquisto di Biciclette elettriche a Pedalata assistita sta via via aumentando. I fattori che ne caratterizzano il successo sono:

mobilità, economicità (costo Km), minore sforzo praticato per lo spostamento.

I su menzionati fattori sono, ovviamente, reali e indiscutibili, ma forse non si tiene presente un’altro fattore molto importante ovvero la salute.

Andare in bicicletta in modo moderato e costante aiuta a prevenire importanti e serie malattie al miocardio, c’è però chi, o per svogliatezza o per problemi fisici non riesce a sostenere un minimo e continuo movimento su biciclette tradizionali.

Mod. AMERICA City Bike a Pedalata Assistita

Ecco che in nostro aiuto viene la Bicicletta a Pedalata assistita, il veicolo che offre una ottima mobilità unita ai bassi costi di esercizio e conseguente sviluppo del movimento a blandi regimi.

Come prevenzione è sicuramente un’ottima soluzione, perchè la bici, se non pedaliamo non si muove, ma la pedalata che andremo a fare non sarà così intensa come su una bicicletta tradizionale, grazie all’aiuto che ci viene fornito dal motore elettrico.

Ma la E-Bike, può trovare anche un grandissimo utilizzo per tutte le situazioni riabilitative delle articolazioni del ginocchio e post infarto. Normalmente i Medici consigliano, dopo operazioni alle ginocchia, di non sforzare l’articolazione camminando molto, ma utilizzare preferibilmente la bicicletta. In questo caso una Pedelec sarà ancor più da preferire, in quanto l’azione sul pedale sarà continua e senza alcuno sforzo. Stessa cosa dicasi per le persone post infartuate che necessitano una costante riabilitazione senza andare a sforzare il muscolo cardiaco, dei piccoli tour in bicicletta sono consigliati soprattutto su pianura, in questo caso la Pedelec ci toglierà ogni possibile sforzo che dovessimo incontrare lungo il percorso.

MTB Pedelec Mod. TE-8MX

Esiste poi una categoria di persone amanti della MTB che per problematiche fisiche non possono più effettuare escursioni con la propria MTB, ecco che, unaMTB Pedelec può agevolmente risolvere questo problema.

In conclusione possiamo dunque affermare che la bicicletta elettrica PEDELEC non solo rappresenta un mezzo alla moda e “GREEN ORIENTED”  ma trova una sua giusta collocazione anche nel settore “HEALTH CARE” Pre e Post malattia/infortunio.

 

Visto quanto è completa la Bicicletta a Pedalata assistita, cosa aspetti controlla i nostri modelli e vai dal nostro rivenditore più vicino alla Tua zona. Acquista PEDELEC di qualità, leggere e con doti di scorrevolezza e ciclabilità superiori alla media, tali da non creare problemi all’azione motoria delle Tue gambe. !!!

Mod. TE-9T con motore Bosch permette una percorrenza maggiore

Le biciclette elettriche sono tutte uguali?

Per niente! Le biciclette elettriche ne esistono di legali e non legali. Panther produce biciclette specifiche per le esigenze di qualsiasi nazione e in regola con le leggi presenti.

La prima cosa da fare per evitare incauti acquisti è chiedere una PEDELEC (pedal electric cycles), la corretta denominazione della bicicletta elettrica, che funziona tanto con il motore elettrico quanto con la forza dei muscoli delle gambe. Per l’Italia l’assistenza del motore elettrico è fissata, come dalla Direttiva 2002/24/CE,  al limite massimo di 25 Km/h.  Con la vera pedelec non rischi di incombere in multe/sequestri e puoi usarla, se lo desideri, senza casco. In Italia è permesso l’uso del motore elettrico per la partenza ma per superare i 6 km/h è necessario pedalare.

I modelli selezionati, dalla produzione Panther, per il mercato italiano riguardano il settore sportivo, urbano e turistico. Tutte le biciclette pedelec sono equipaggiate con batterie a ioni di litio e componenti di qualità. I sistemi di propulsione elettrica utilizzati sono:

  1. Panterra ED2 EX
  2. Panterra ED3
  3. Bosch eBike

Le caratteristiche dei sistemi di propulsione sono ben distinti tra loro, questo per accontentare le esigenze di tutti.

Pannello di controllo ED2-EX

Il sistema Panterra ED2 Ex rappresenta la semplicità di utilizzo, infatti presenta un pulsante di accensione/spegnimento e ,uno per variare la modalità di assistenza. Grazie alle sue ridotte dimensioni il look è compatto e leggero. L’autonomia media, per singola carica, è di cinquanta kilometri. Questo sistema lo troviamo nel modello TR111 herren, TR111 trapez, Diana, Diana confort , Diana confort 28 e America.

 

 

 

Pannello LCD di Controllo sistema ED3

Panterra Ed3 è l’evoluzione del sistema ED2 Ex.  Con Ed3 si ha voluto dare un pannello di controllo più completo e con più informazioni. Infatti nel display retro illuminato, posto sul manubrio, possiamo scegliere tra le nove possibili livelli di assistenza, controllare la velocità istantanea, velocità media, livello di carica, autonomia dei chilometri rimanenti, ora e molti altri parametri utili per la sicurezza e l’informazione. La percorrenza con una singola carica è di 40-80 chilometri in base alle impostazioni. Inoltre il sistema ED3 viene in aiuto alle esigenze delle persone cardiopatiche, infatti grazie al pulsante booster è possibile avviare la pedelec fino a 6 km/h evitando in questo modo lo sforzo cardiaco. Ed3 possiede il massimo livello di tecnologia. Questo sistema lo troviamo nel modello TE-777 uomo, TE-777 donna, TE-8MX e  TE-8CX.

 

Pannello LCD di controllo sistema Bosch

Bosch è il sistema con il numero maggiore di sensori al movimento, questo da le migliori prestazioni di spinta e percorrenza chilometriche (60-145km). L’azienda Tedesca è riuscita, in solo due anni dalla presentazione (Eurobike 2010) , ad imporsi al mercato come il sistema con il miglior rapporto di percorrenza kilometrica e potenza di carica. Questo sistema lo troviamo nel modello TE-9T e TE-9T meral.

Se desideri una pedelec innovativa e all’ avanguardia allora prova una PANTHER.

Archivi