Archivio di dicembre 2013

Fanali per bicicletta

Nel mercato si possono trovare migliaia di fanali a batteria e tutti si presentano potenti e super luminosi.

Adesso cerchiamo di capire come si può scegliere il fanale giusto per se.

La prima domanda è: che percorsi dobbiamo illuminare?  La risposta a questo quesito è la direzione per il nostro acquisto. I fanali possono essere utilizzati in percorsi illuminati, semi illuminati, poco illuminati o praticamente non illuminati. Se la strada che pedaliamo è illuminata la scelta ricadrà su un faro segnalatore o di poca potenza, se la strada è semi illuminata dobbiamo escludere il faro segnalatore e indirizzarci verso un fanale con fascio di luce, se la strada è poco illuminata è necessario indirizzarci verso un fanale con fascio di luce più ampio e non solo concentrato in un punto luce e se la strada è praticamente non illuminata è necessario indirizzarci verso un fanale a largo spettro di luce per poter scegliere la strada più appropriata in caso di cambi di direzione improvvisi (buche, tombini, animali o ….).

Faro segnalatore Faro a fascio concentrato Faro a largo fascio Faro ad ampio spettro
Smart segnalatore anteriore fanale 1 watt 194__IXON_Pure 192Q_IXON_IQ_schraeg_rechts

La seconda domanda è: che tempo di utilizzo mi serve? Questo quesito è necessario per evitare di acquistare un bellissimo fanale ma che ci serve solo per metà percorso oppure che dobbiamo ricordarci sempre di ricaricarlo.

La terza domanda è: quali dimensioni deve avere il fanale? Questa è più per un fattore estetico o di spazio nel manubrio. Se il fanale è del tipo a batteria normalmente viene posto nella piega del manubrio e al giorno d’oggi tra borse, gps, campanelli (sarebbero obbligatori), computer, e più ne ha più ne metta, trovare spazio diventa difficile.

La quarta domanda è: quanto devo spendere? Questa domanda è tutta da analizzare perchè un buon acquisto ci permette di evitare un secondo acquisto e quindi ulteriori costi. Non per questo siamo per chi più spende meglio acquista ma neanche che i miracoli tra costi e qualità li trovo solo io. Quindi per un buon fanale non si può spendere meno di 50 euro, per uno medio meno di 25 euro e per chi si accontenta anche meno.

 

 

Schwalbe, Thunder Burt

Lo pneumatico Thunder Burt è per X-country. Tutti vogliono pneumatici più leggeri e veloci. Schwalbe con Thunder Burt vuole combinare, in un unico pneumatico, il meglio del Racing Ralph e del Furious Fred. Infatti la leggerezza, 400 grammi e la tenuta, doppia fila di tasselli laterali, rendono il nuovo pneumatico Schwalbe un lampo nei terreni battuti e secchi.

La gamma è disponibile in tutte le misure da MTB e cioè da 26 pollici, 27.5 pollici e 29 pollici.

Thunder Burt
020_22_Icon_185_x_141
020_19_01_pace

La massima leggerezza la possiamo trovare nelle versioni TL-Ready ma noi consigliamo la via di mezzo cioè la SnakeSkin, TL Ready. Questo nostro suggerimento deriva da due fattori:

  • il primo perchè le rocce aguzze sono la prima causa degli inconvenienti sui pneumatici da MTB e grazie alla protezione SnakeSkin questo si può evitare
  • secondo motivo perchè la latticizzazione risulta molto più semplice.

Thunder Burt è velocissimo grazie al nuovo battistrada e alla sua carcassa evolution.

Schwalbe, Rock Razor

Rock Razor è lo pneumatico più famoso e il più veloce per le categorie Gravity/Enduro e AM. Il motivo della sua notorietà è partita dalla scelta del nome, che grazie ad un concorso promosso da Schwalbe su Facebook, ha interpellato i suoi fans per la decisione del nome. La scelta si basava su dieci nomi e tutti i fans registrati potevano dare la loro preferenza.

Il risultato del concorso è stato ROCK RAZOR.

Rock Razor
new

menu-rr

A parte la storia del nome, Rock Razor è il primo pneumatico semi-slick per queste categorie. Infatti i Biker si lamentavano della difficoltà di rotolamento dei pneumatici di larghe sezioni anche nei percorsi più duri e secchi. Per questo motivo i tecnici Schwalbe hanno sviluppato un pneumatico leggero e scorrevole. Infatti il battistrada del Rock Razor si presenta con una tassellatura poco pronunciata e omogenea nella parte centrale e più artigliata invece nelle estremità. La piega al limite si può ancora fare!

La carcassa utilizzata è una evolution ma con la possibilità anche della nuova tecnica Super Gravity la quale permette più controllo alle basse pressioni. Infatti la mescola di gomma TrailStar è nella versione SG. Tutti i modelli sono TL-Ready con fianchi SnakeSkin per una migliore e facilità di latticizzazione.

Disponibile nelle misure da 26 pollici o 27.5 pollici.

 

yepp-logo
Archivi